Mal di schiena lombare, come riconoscerlo e prevenirlo

26 Ottobre 2018 by admin
mal-di-schiena-lombare.jpg

Mal di schiena lombare, come riconoscerlo e prevenirlo

Il mal di schiena lombare colpisce tantissime persone. Si caratterizza per un dolore localizzato nella zona bassa della schiena, da cui il disturbo prende il nome. Non solo adulti, ma anche i più giovani possono soffrirne, tanto che il mal di schiena lombare sembra essere tra le prime cause di assenza da lavoro.

Quali sono i sintomi tipici del mal di schiena lombare

Come dicevamo, questo tipo di mal di schiena (leggi qui per conoscere anche le altre possibili manifestazioni del mal di schiena) si manifesta con dolore localizzato in un’area ben precisa della schiena ossia la fascia di ossa e muscoli che si inseriscono nella parte bassa della schiena. Il dolore può interessare l’intera fascia lombare o essere monolaterale ed estendersi anche alla parte posteriore della coscia. Il sintomo doloroso può poi presentarsi in maniera improvvisa (quello che si definisce ‘colpo della strega’) oppure sopraggiungere con un crescendo di intensità. Il dolore può diventare limitante per il movimento o acuirsi quando si assumono alcune posizioni, compromettendo anche lo svolgimento delle normali attività quotidiane.

In base alla durata della lombalgia distinguiamo tre forme:

  1. Quando il disturbo dura meno di 4 settimane si definisce acuto
  2. Se la durata è compresa tra le 4 e le 12 settimane si parla di lombalgia subacuta
  3. La lombalgia si definisce infine cronica se ha durata superiore ai 3 mesi.

La lombalgia può essere associata anche ad altri sintomi, a seconda della causa che ne è all’origine comunemente.

Mal di schiena lombare, tante possibili cause

Tante sono le cause che possono essere alla base del mal di schiena lombare, non sempre strettamente legate a problematiche che interessano la colonna vertebrale e le sue strutture. Volendo effettuare una distinzione, possiamo parlare di:

  • Mal di schiena lombare a seguito di traumi: è questo il caso in cui il disturbo si presenta a seguito di stiramenti, contratture o distorsioni e sforzi fisici. Responsabile del mal di schiena lombare può essere inoltre l’assunzione di una postura scorretta, un eccessivo sforzo fisico o l’esposizione a colpi di freddo.
  • Mal di schiena lombare, maggiori cause nelle donne: sebbene il disturbo colpisca indifferentemente uomini e donne, sembra che alcune cause siano esclusivamente legate a queste ultime. Condizioni come ciclo mestruale, osteoporosi, cisti ovariche e patologie a carico dell’apparato pelvico sono infatti peculiari del sesso femminile e spesso sono collegate al mal di schiena. Anche la gravidanza, specie nel terzo trimestre, può comportare un sovraccarico dei muscoli della fascia lombare con conseguente dolore
  • Problematiche legate alle strutture della colonna vertebrale: un esempio è l’ernia al disco intervertebrale che, vista la vicinanza con strutture nervose può divenire causa di irritazione delle fibre del nervo sciatico con conseguente fastidio esteso nella zona laterale della gamba.
  • Problematiche legate ad articolazioni e muscoli: è il caso ad esempio dell’artrosi ossia della degenerazione delle superfici articolari con conseguenti disturbi anche alla colonna vertebrale. Anche problematiche ai muscoli possono essere causa di insorgenza di mal di schiena lombare, a seguito di contratture di cui sembrano soffrire maggiormente i muscoli del quadrato dei lombi.
  • Mal di schiena lombare e disturbi viscerali: anche un malfunzionamento degli organi interni dell’addome può comportare disturbi a carico della colonna e sollecitare la zona lombare con dolori acuti e molto forti. Disturbi al colon o al pancreas possono rientrare in questa casistica.

Prevenire il mal di schiena lombare

Come abbiamo visto, le cause del dolore lombare possono essere di vario tipo. Se è bene non sminuire il sintomo e rivolgersi comunque ad uno specialista per un trattamento adeguato della patologia, vi sono delle azioni preventive che, invece, possono aiutarci a proteggerci dal mal di schiena lombare.

Buone pratiche quotidiane sono:

  • Praticare attività fisica regolare, in particolare esercizi di tonificazione e allungamento o attività che aiutino a migliorare il tono muscolare. Evitare invece di praticare senza la giusta guida, sport di potenza
  • Evitare movimenti bruschi e il sollevamento di pesi eccessivi
  • Mantenere il proprio peso ideale, anche l’obesità è infatti tra i fattori di rischio per il mal di schiena
  • Evitare correnti d’aria e colpi di freddo
  • Mantenere una postura corretta
  • Non indossare troppo spesso i tacchi alti e utilizzare invece calzature comode soprattutto se si sta in piedi a lungo
  • Anche il riposo eccessivo può non giovare al mal di schiena poiché la muscolatura tende ad indebolirsi e quindi riesce con più fatica a sopportare le sollecitazioni a cui viene sottoposta


Ilmotask

LA TUA SALUTE AL CENTRO








Ilmodol antinfiammatorio e antireumatico è un medicinale a base di naprossene sodico che può
avere effetti indesiderati anche gravi.
Leggere attentamente il foglio illustrativo.
Aut.Min. del 09/01/2019
Ilmodol dolore e infiammazione è un medicinale a base di piroxicam che può avere effetti indesiderati anche gravi. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Aut. del 30/07/2019.



Copyright by Farmitalia 2018. Tutti i diritti riservati.